mercoledì 21 novembre 2012

Cilento: cosa vedere nel Cilento


Il Cilento è terra del mito e ricca di storia, conserva ancora tradizioni secolari e quindi è una terra dalla cultura profonda e radicata nel tempo. A testimoniare l’influenza delle epoche diverse che hanno caratterizzato il Cilento ci sono diversi contenuti artistici. Oltre a ciò il Cilento vanta anche la presenza di paesaggi naturalistici spettacolari valorizzati anche dal Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano. Il clima è molto mite e quindi invoglia i turisti a raggiungere questa fantastica zona della Campania. E’ una terra esclusiva in cui si intervallano e accostano paesaggi disparati, colline rivestite di verdi ulivi, lunghe spiagge arenose affacciate sul Tirreno, imprevisti boschi di castagno che si inerpicano su picchi e forti rocce, estensioni pianeggianti piene di colture e corsi d’acqua abbastanza compatti che si spostano e tracciano i territori affascinanti del Cilento.

La lampante prosperità ambientale e paesaggistica del Cilento deve tanto alla doppia origine geologica delle rocce che istituiscono il territorio cilentano, quella del ”Flysch del Cilento” e quella delle “rocce calcaree”. Tali rocce si rinvengono come componenti dei complessi di montagna del Cilento interno, quali l’Alburno ed il Cervati, e di quelli posti a sud, come il Monte Bulgheria e il Monte Cocuzzo. Il “Flysch del Cilento” bensì ha la sua maggiore esistenza lungo la conca idrogeografica del Fiume Alento e in correlazione ai cardinali monti del Cilento dell’ovest oltre che nei tratti di litorale roccioso tra Pollica ed Acciaroli dove, grazie alla sua presenza, la macchia mediterranea risulta maggiore. Il termine “Flysch”  determina la presenza di una composizione sedimentaria tipica nel territorio cilentano nata dopo l’abbattimento dei rilievi affiorati alla fine del Miocene e in altri cicli Quaternari.

La compagine visibile, contraddistinta da appariscenti pliche,  indica che il succedersi di diverse risedimetazioni, frane sottomarine, che facevano strada al cambiamento delle peculiarità ambientali o fisico-chimiche nel tempo. A testimonianza della enorme ricchezza geologica del Cilento ci sono numerose grotte, insenature e gallerie presenti all’interno del Parco del Cilento e che sono ancora da esplorare. Tra queste ci sono quelle di Palinuro, quelle di Pertosa e Castelcivita. Una vacanza in questa terra è ottimale per rilassarsi e godere delle bellezze della natura.

fonte: autore

Nessun commento:

Posta un commento

Posta un commento